Ultimo appuntamento con Villa Piazzo in Musica 2017

La rassegna musicale si conclude domenica 3 dicembre con il concerto di Fabiola Tedesco e Massimo Giuseppe Bianchi

fabiola tedesco e massimo bianchi

Si conclude l’edizione 2017 di Villa Piazzo in Musica con il Concerto della giovane violinista Fabiola Tedesco e del pianista Massimo Giuseppe Bianchi, che riveste anche il ruolo di Direttore Artistico della Stagione.
Secondo il tema ispiratore di questa Edizione 2017, “Fratelli in musica”, si sono avvicendati sul palco di Villa Piazzo grandi nomi della scena musicale nazionale ed internazionale; il Direttore Artistico Massimo Giuseppe Bianchi ha proposto all’affezionato pubblico di Villa Piazzo un approccio innovativo, rivolgendo lo sguardo anche al futuro della musica. Nasce così l’idea di coinvolgere giovani artisti di grande valore, come il pianista Davide Scarabottolo, 17 anni, accompagnato dal proprio maestro Giacomo Dalla Libera, e la giovane violinista Fabiola Tedesco, 20 anni, che domenica 3 dicembre suonerà insieme allo stesso Bianchi. Ambizioso il programma scelto per la serata con musiche di Brahms, Mozart, Franck, Tchaikovsky, grande difficoltà tecnica che saprà mettere in luce il binomio formato da Massimo Giuseppe Bianchi e Fabiola Tedesco. La partecipazione di Fabiola Tedesco è stata resa possibile dal
generoso supporto dell’Associazione Culturale Musica con le Ali, fondata a Milano nel 2016 da Carlo Hruby e dai suoi familiari, che persegue finalità di promozione e sostegno dei migliori studenti dei conservatori italiani e delle
Istituzioni di Alta Formazione, fornendo un concreto aiuto alla crescita e alla formazione di giovani talenti della musica classica.

Massimo Giuseppe Bianchi e Fabiola Tedesco si esibiranno Domenica 3 Dicembre 2017, ore 17.30 a Villa Piazzo, via G.B. Maggia 2, Pettinengo Biella.
Biglietti: 12 euro, ridotto 10 euro.
Al termine del concerto, su prenotazione, sarà possibile cenare a Villa Piazzo con un menu di prodotti del territorio.
Per informazioni: www.pacefuturo.it
info@pacefuturo.it

La violinista Fabiola Tedesco, nata a Torino nel 1997, diplomatasi a 16 anni al Conservatorio “G.Verdi” col massimo dei voti, lode e menzione speciale, sotto la guida di Sergio Lamberto, ha perfezionato gli studi presso il Vorarlberger
Landeskonservatorium di Feldkirch (Austria) e presso l’Accademia Perosi di Biella nella classe di Rudens Turku. Frequenta regolarmente le masterclass di Ana Chumachenco in tutta Europa ed ha partecipato a masterclass di violino e musica da camera tenute da grandi violinisti internazionali quali Kyoko Takezawa, Uto Ughi, Wen Sinn Yang, Wolfgang Bottcher, Eliane Rodrigues, Werner Bartschi, Wendy Champney. Vincitrice di numerosi primi premi in concorsi nazionali e internazionali, tra cui “Rassegna Nazionale d’Archi” di Vittorio Veneto, Concorso Internazionale “A. Salieri”, Premio Pugnani, Premio “Stefano Tempia” come miglior diplomata del Conservatorio di Torino, Premio “Maura Giorgetti” della Filarmonica della Scala, assegnato ai migliori giovani violinisti italiani.
Si esibisce con successo in sale europee e sudamericane, ospite, tra gli altri, di festival come “MITO”, “Il Bello da sentire” – Musei Vaticani, “Polincontri” presso l’Aula Magna del Politecnico di Torino, Starnberger Musiktage
(Germania), Musiktage der Olympiaregion Seefeld (Austria), Bodensee Festival (Germania), “Talente im Funkhaus” della ORF (radio nazionale austriaca, per cui ha tenuto un recital nel 2016), Festival Europeo de Solistas di Caracas.
Suona un violino Alessandro D’Espine costruito a Torino nel 1815. Il prestito di questo strumento rientra nell’attività del progetto “Adopt a Musician”, una fra le iniziative di MusicMasterpieces, Lugano (CH).

Massimo Giuseppe Bianchi, pianista, muove i primi passi nel mondo della musica a Varallo Sesia, sua città natale. Ad una solida formazione nel solco dei grandi maestri, quali Bruno Canino e György Ligeti, che hanno contribuito a perfezionarne lo stile ed il talento, Massimo Giuseppe Bianchi ha affiancato la carriera musicale ed i propri eclettici interessi per la filosofia, la letteratura e la poesia. Attento divulgatore in ambito radiofonico, curatore di seminari di
approfondimento musicale, direttore artistico della stagione musicale Musica a Villa Durio, del Maggio Musicale a Crocemosso, di Villa Piazzo in musica.
Nei suoi concerti affronta spesso opere di rara esecuzione e notevole impegno virtuosistico, dalle Variazioni Goldberg di Bach alla Sonata di Jean Barraquè.
Profondo conoscitore del Novecento musicale, ha registrato per l’etichetta Naxon un ciclo di dischi dedicati a musiche di Ghedini, Respighi e Pick-Mangiagalli. Ha curato edizioni critiche di opere di Respighi, Carpi e Castelnuovo-Tedesco per editori di settore quali Suvini Zerboni e Curci.